Il risveglio dell’Etna il vulcano più alto d’Europa

Eruzione_Etna_13-01-2011_B

La spettacolare fase eruttiva caratterizzata da fontane di lava, esplosioni e l’emissione di una piccola colata lavica

Un’eruzione improvvisa e spettacolare. L’Etna torna in attività dal 26 febbraio e nelle ultime notti è stato possibile vedere fontanelle, esplosioni e l’emissione di una piccola colata nella zona che unisce il vecchio e il nuovo cratere di Sud-Est. I fenomeni, concentrati nella zona superiore del vulcano attivo più alto d’Europa, non costituiscono un pericolo per le persone. Ma «occhio ai motori degli aerei» ci spiega il geofisico Enzo Boschi «se la fuoriuscita di polveri aumentasse, il traffico aereo andrebbe immediatamente sospeso».

Da Catania a Taormina. Per il momento i fenomeni coinvolgono solo la cima del vulcano, ad un’altezza di 3.350 metri. Lo spettacolo, impercettibile di giorno per la luce abbagliante del sole, è visibile di notte nella vasta area tra Catania e Taormina. L’ampiezza del tremore interno al vulcano, rilevato già dallo scorso 15 dicembre, è monitorato dai tecnici dell’Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Le loro telecamere termiche sono puntate sui condotti magmatici e seguono l’evolversi della situazione.

Uno spettacolo senza “grandi” rischi. In genere le eruzioni dell’Etna hanno causato danni alle cose ma raramente sono stati un pericolo per la popolazione. Se si escludono il caso di Bronte nel 1843, in cui si verificò un’esplosione di lava che colpì settanta persone uccidendone 36, e l’imprudenza dei nove turisti che si avvicinarono troppo al cratere e furono uccisi da un’improvvisa pioggia di massi nel 1979, l’eruzioni del vulcano sono quasi sempre effusive. L’emissione di lava è lenta e fluida, facile da prevedere. Inoltre permette alle persone di allontanarsi con sufficiente anticipo. «L’Etna è tra i vulcani più attivi d’Europa, non è affatto eccezionale una sua eruzione» ribadisce Boschi. «In questo caso si sta verificando un’attività stromboliana, appunto di tipo simile all’altro vulcano siciliano, lo Stromboli. L’espulsione di scorie incandescenti, lapilli e bombe di lava ad altitudini di decine di metri è un pericolo per le persone che si avventurano nelle prossimità dell’Etna. Si può stare tranquilli con un po’ di prudenza»

Continua a leggere

Annunci

Quel figlio di un buco dell’ozono

Se vi state chiedendo come mai il gelato si scioglie sempre più in fretta e vi cola sui jeans, perché la CocaCola è annacquata e il ghiaccio scompare in un minuto e dove sono finiti tutti i pinguini che un tempo si vedevano in giro

O è colpa dell’effetto del crack, oppure è colpa dell’effetto serra

L’Organizzazione Metereologica Mondiale (WMO) ha annunciato che il 2016 sarà l’anno più caldo della storia, con temperature medie in aumento di +1,2 gradi centigradi rispetto all’età preindustriale

ONU, RISCALDAMENTO GLOBALE COSTA 2MILA MILIARDI DI DOLLARI

Per Petter Taalas, segretario generale del WMO, il riscaldamento indotto dall’uomo ha causato circa la metà delle catastrofi ambientali degli ultimi deceni. L’aumento di temperatura è associato indiscutibilmente alla diminuzione dei ghiacci artici, agli incendi boschivi, al ritirarsi delle barriere coralline, all’aumento di fenomeni naturali disastrosi come uragani, tsunami e siccità

La mamma dell’effetto serra è una…

…politica industriale proiettata al progresso economico ma non alla salvaguardia ambientale. Le concentrazioni di gas serra continuano a crescere a dismisura, la superficie ghiacciata dell’Artico è più sottile che mai e persino la Groenlandia ha visto sciogliersi gran parte del manto ghiacciato che da millenni la ricopre

ONU, RISCALDAMENTO GLOBALE COSTA 2MILA MILIARDI DI DOLLARI

La svolta anti-ambientalista proclamata in campagna elettorale da Donald Trump adesso fa ancora più paura e lo scenario di collaborazione globale che ha toccato il suo apice con l’accordo di Parigi potrebbe drasticamente cambiare. Il prossimo presidente Usa si è detto pronto a stracciare quegli impegni e a fermare i fondi dati all’Onu per la lotta al “global warming”

Donald, e se il caldo sciogliesse il silicone di Ivanka?

Trump non lo ha mai nascosto: per lui gli scienziati dicono solo baggianate. Infatti ha ripetuto più volte nei suoi comizi che il surriscaldamento terrestre è un problema inventato. Non è poi un caso che il suo programma in materia ambientale vada in direzione opposta alla politica green di Barack Obama. Trump sta spingendo ad esempio per il rilancio dell’industria del carbone, per la riapertura delle miniere chiuse da un pezzo, per il via libera al controverso oleodotto Keystone XL

ivanka-trump-breast-implants

Fresko* è contro il riscaldamento globale, si scioglierebbe essendo un blog a zero gradi centigradi. Fresko* consiglia a Ivanka di tenere le protesi lontane da fonti di calore. Quindi va’ a papà e digli di non fare cazzate!