#JeSuisIkea

Trump, l’attentato in Svezia e gli immigrati

Il nuovo presidente statunitense è al centro di una polemica che riguarda il fact-checking, la Svezia e un attentato nel Paese che, in realtà, non è mai avvenuto. Sabato 18 febbraio Donald Trump ha tenuto un comizio a Melbourne, Florida, difendendo la propria politica di chiusura delle frontiere ai migranti. A un certo ha dichiarato: “Guardate quello che è successo l’altra notte in Svezia. La Svezia! Ci avreste mai creduto? La Svezia. Ne hanno presi molti di migranti. Ora stanno avendo problemi come non avrebbero mai immaginato”. Dopo la sua affermazione, che sembrava alludere a un attentato o comunque a un evento specifico avvenuto in Svezia nei giorni precedenti, i mass media di tutto il mondo si sono a lungo interrogati su cosa stesse facendo riferimento. Non ci sono infatti stati attentati nel Paese scandinavo negli ultimi anni. L’ultimo attentato terroristico risale al 2010, quando un cittadino svedese di origini irachene si fece saltare in aria a Stoccolma, causando solo la propria morte. Un evento oltretutto precedente all’attuale crisi migratoria, cominciata con le guerre in Siria e Libia (2011).

194503267-7acaa53c-a818-4df9-b7c3-86cb1c8fcfc5

Continua a leggere

Annunci

Il video più hot del momento? Donald Trump sbarca su pornhub.com

Siete comodi e vi concedete un momento intimo di piacere. La mano tira giù la cerniera dei pantaloni…

Quando all’improvviso vi appare il faccione di Donald. Donald Trump! Eravate su uno dei più famosi siti di pornografia, lo so, ma non potete sfuggire alla comunicazione digitale del nuovo presidente degli Stati Uniti. Lui è ovunque, persino su www.pornhub.com (cliccate pure se non ci credete)

Svanita l’eccitazione, visto che ci siete, continuate a leggere…
(La lettura dell’articolo è sconsigliata ai 
minorenni)

Donald Trump, protagonista della scena politica internazionale, è la nuova star di Pornhub. E non è uno scherzo: cercate su internet queste parole “Rich white guy fucks the entire country at once” che tradotto sarebbe “ricco uomo bianco fotte l’intero paese in una volta sola”. Comparirà il discorso d’insediamento del 45° presidente degli Stati Uniti d’America.

po

Corey Price, vicepresidente di Pornhub, ha spiegato che è nato tutto come un fake. Chi ha inizialmente caricato il presunto video in realtà aveva fatto l’upload di un solo fermo immagine della cerimonia d’insediamento. Poi, visto il numero crescente di visualizzazioni, qualcuno ha caricato effettivamente il video della durata di 17 minuti. Ora Donald Trump è virale persino su uno dei siti più conosciuti dagli adolescenti in pieno sviluppo ormonale. Non resta che augurarvi un buon divertimento con il poliedrico ciuffo arancione: costruttore, imprenditore, presidente Usa e adesso star dei siti porno!

 

Qui il link del discorso d’insediamento di Donald Trump -> http://it.pornhub.com/view_video.php?viewkey=ph588a050c3e648

Immaginate: domani mattina vi svegliate, accendete la tv e sugli schermi vedete il nuovo presidente dell’Italia. Donald Trump 🇮🇹+🇺🇸=⁉️

È impossibile, ma menti affini al buon Donald esistono anche nel parlamento italiano. Cosa accadrebbe se qualcuno avesse la geniale idea e riuscisse a far approvare un provvedimento simile a quello del presidente statunitense?

Fresko* lo spiega in collaborazione con Manuela 👩🏻, la blogger di Condivido ergo sum.

E se l’ordinanza anti-rifugiati di Trump fosse applicata in Italia? In 30mila sarebbero, per così dire, “imprigionati” nel nostro Paese: se uscissero, non potrebbero più rientrare. Si tratta dei residenti in Italia originari dei sette Stati a maggioranza musulmani “bannati” dal presidente americano: Siria, Libia, Somalia, Sudan, Yemen, Iraq e Iran.

Ma la conseguenza più diretta sarebbe sui migranti che sbarcano quotidianamente sulle coste italiane: nel 201 6 sono arrivati 9.300 sudanesi, 7.500 siriani e lo stesso numero di somali. Se l’ordine esecutivo firmato da Trump fosse in vigore in Italia, cosa succederebbe a decine di migliaia di profughi?

Rispedirli al mittente è un costo, ma all’interno dei confini italiani non potrebbero proprio stare. Questi giorni negli Stati Uniti il caos è negli aeroporti ✈️, in un’Italia utopica ad intasarsi sarebbero gli scogli di Lampedusa 🏖, gli hotspot e i centri di prima accoglienza, già ora al collasso.

Da rivedere, ipoteticamente sia chiaro, anche il numero massimo delle richieste d’asilo da accettare: nel 2016 sono stati circa 120mila i migranti che hanno avviato le procedure nel belpaese. Con la svolta trumpista, non si potrebbero accogliere più di 50mila richieste.

ar_image_4822_l

Continua a leggere

LE 12 PERSONE CHE ROVINERANNO IL 2017. L’UNDICESIMO APOSTOLO DEL MALE È Margrethe Vestager 🇩🇰

Mentre tutti si aspettano di leggere i soliti Trump, Putin…

leonardo_da_vinci_-_the_last_supper_high_res

I 12 APOSTOLI DEL MALE

1. TABLOID BRITANNICI 🇬🇧 🗞

2. I BOSS DEL CALCIO CINESE ⚽️ 🇨🇳

3. MICHAEL FLYNN 🇺🇸 💣

4. BEPPE GRILLO 🤡 🇮🇹

5. JAROSŁAW KACZYŃSKI  🇵🇱 🔨

6. CARLES PUIGDEMONT  ❌ 🇪🇸

7. WILBUR ROSS 🇺🇸 🥊

8. HACKER RUSSI 🕷🇷🇺 

9. NICOLAS SARKOZY 🇫🇷 🥖

10. MARTIN SELMAYR ⚠️ 🇩🇪

11. MARGRETHE VESTAGER 🇩🇰 🌋

Una specie di eroina della sinistra europea contraria ai grandi affari delle multinazionali. La danese Margrethe Vestager, commissario europeo per la concorrenza, potrebbe cozzare con la lista degli apostoli del male che comprende due duri come Flynn e Selmayr. Senonché, cambiando prospettiva per un attimo, potete immaginare a quale scontro rischia di portare il suo entusiasmo socialista che la vede impegnata contro colossi come Amazon e Google? La gente del vecchio continente potrebbe affrontare un 2017 difficile se non si trova un compromesso tra l’impeto di Vestager e gli interessi delle multinazionali americane. Due domande doverose sono: come reagirà l’amministrazione nazionalista di Donald Trump alla richiesta di un’enorme tassa da far pagare ad Amazon in Europa? Quale sarà la risposta degli Stati Uniti all’ingente multa europea a Google, il cui Ceo è un membro della cerchia d’imprenditori tecnologici di cui si è circondato il 45° presidente?

BELGIUM-EU-US-INTERNET-ANTITRUST-GOOGLE-PROBE

European competition commissioner Margrethe Vestager 

Questo comportamento punitivo nei confronti di Google potrebbe essere accolto con danze e musica nelle piazze delle capitali europee, ma la Washington piena di manifesti “make America great again” senz’altro si altererà parecchio. E ne risentirebbe l’intera economia europea.

Margrethe Vestager deve fare molta attenzione anche su un altro fronte. La sua indagine sugli aiuti di stato offerti dal Regno Unito a Nissan per un accordo commerciale e la situazione fiscale di Gibilterra osteggiata dal commissario, rischiano di avvelenare ulteriormente le relazioni Ue-Uk.

Non va dimenticato inoltre un terzo pericolo: le sue inchieste contro le grosse aziende francesi EDF e Areva non fanno altro che alimentare quel fuoco anti-Europa che da Marine Le Pen a Nicolas Sarkozy sta rastrellando sempre più consensi in Francia. E il 23 aprile si voterà per il nuovo presidente dell’Eliseo. Queste le ragioni che rendono la danese un apostolo del male (l’undicesimo) di tutto rispetto.

BELGIUM-EU-APPLE-IRELAND-TAX-TECH

Sconto di 30mila dollari per le famiglie e 15mila dollari ai single, ecco come ottenerlo! Solo su fresko*

Se siete cittadini statunitensi e credete al programma di Trump

Attraverso l’economia, “fare di nuovo dell’America un grande paese”: è la missione di Donald Trump. Tagli delle tasse su individui e società, investimenti infrastrutturali soprattutto nell’industria pesante, revisione degli accordi commerciali internazionali, imposizione di tariffe doganali protettive sulle importazioni e rimpatrio di denaro delle aziende americane con una tassa ridotta.

2016-donald-trump-tax-reform-proposal-individual-income-tax

L’economia secondo Donald

Il 45° presidente degli Stati Uniti ha promesso che la deduzione fiscale standard sarà di 30mila dollari per le coppie sposate e 15mila dollari per i singoli individui. Nel piano ha incluso la cosiddetta “childcare”, che prevede una detrazione fiscale delle spese di assistenza per ogni bambino fino a 13 anni di età. Trump cercherà di eliminare anche la tassa di morte “gravosa per agricoltori e piccoli imprenditori”. Per le aziende il presidente ha giurato di portare l’imposizione fiscale dal 35% al 15%, così da rendere gli investimenti interni più attraenti. Il programma protezionista di Trump comprende, come lo chiameremmo in Italia, uno scudo fiscale: una tassa del 10% una tantum sul rimpatrio dei capitali parcheggiati all’estero.

ctm0318donaldtrumptaxplan

Rientrerebbero così negli Usa migliaia di miliardi di dollari che il repubblicano vorrebbe si investissero nell’industria energetica. L’obiettivo è rendere gli Stati Uniti energeticamente indipendenti, sfruttando le riserve di carbone, petrolio e gas naturale. Con l’attività mineraria ha ipotizzato Trump si avrebbe un aumento del Pil di 100miliardi di dollari l’anno, oltre 500mila nuovi posti di lavoro e una crescita dei salari annuali di 30miliardi nei prossimi 7 anni. E non ci sarebbe da preoccuparsi per l’ambiente, poiché per Donald “il concetto di riscaldamento globale è stato inventato dai cinesi per abbattere il settore manifatturiero americano”.

Trump infine punta a stracciare gli accordi commerciali esistenti per stipularne di nuovi bilaterali, non per macro aree. Sta spingendo inoltre per porre dazi alle importazioni a tutto tondo, per incentivare il settore manifatturiero e automobilistico a una rinascita su suolo americano. Con queste politiche tornerà davvero grande l’America o la visione introspettiva di Trump trascinerà l’economia statunitense verso il baratro?

donald-trump-money-0

LE 12 PERSONE CHE ROVINERANNO IL 2017. L’OTTAVO APOSTOLO DEL MALE SONO GLI HACKER RUSSI 🇷🇺🕷

Mentre tutti si aspettano di leggere i soliti Trump, Putin…

leonardo_da_vinci_-_the_last_supper_high_res

I 12 APOSTOLI DEL MALE

1. TABLOID BRITANNICI 🇬🇧 🗞 

2. I BOSS DEL CALCIO CINESE ⚽️ 🇨🇳 

3. MICHAEL FLYNN 🇺🇸 💣

4. BEPPE GRILLO 🤡 🇮🇹

5. JAROSŁAW KACZYŃSKI  🇵🇱 🔨

6. CARLES PUIGDEMONT   🇪🇸 

7. WILBUR ROSS 🇺🇸 🥊

8. HACKER RUSSI 🕷🇷🇺 

Il 2016 ha visto il dilagare di attacchi informatici di hacker russi sponsorizzati dallo stato e utilizzati come forza quasi militare. Le relazioni diplomatiche della Russia ne hanno risentito, pensate alle accuse fortissime di Obama secondo il quale i russi hanno minato la regolarità delle elezioni americane. Sta nascendo una nuova forma spettacolare di guerra del XXI secolo.

Hacked By Def Con Press Preview - 2016 Tribeca Film Festival

Gli hacker, per definizione, traggono la loro efficacia operando in una società chiusa contro una aperta: una specie di cyber-cecchino che semina il caos attraverso la disinformazione.

Dopo l’elezione di Trump, è inevitabile che gli hacker russi potranno schierare i loro carri armati di bit, già testati su suolo americano, in ambito elettorale europeo. Il timore è che sia perseguito lo scopo di sovvertire la fede dei cittadini europei nella libertà di parola e nella democrazia. L’ideale di popolo russo propagato in Europa.

Come se l’Unione europea non stia patendo già abbastanza sofferenze. Dopo la Brexit le preoccupazioni per la sopravvivenza della Ue sono aumentate. Adesso i suoi cittadini dovranno aspettarsi e temere la prospettiva delle elezioni in Germania e Francia compromesse dagli attacchi di hackeraggio della Russia. Tutto questo è profondamente sconcertante: la libertà di informazione e l’opinione pubblica sono in pericolo.

russia-hackers

 

LE 12 PERSONE CHE ROVINERANNO IL 2017. IL SETTIMO APOSTOLO DEL MALE È WILBUR ROSS 🇺🇸 🥊

Mentre tutti si aspettano di leggere i soliti Trump, Putin…

leonardo_da_vinci_-_the_last_supper_high_res

I 12 APOSTOLI DEL MALE

1. TABLOID BRITANNICI 🇬🇧 🗞 

2. I BOSS DEL CALCIO CINESE ⚽️ 🇨🇳 

3. MICHAEL FLYNN 🇺🇸 💣

4. BEPPE GRILLO 🤡 🇮🇹

5. JAROSŁAW KACZYŃSKI  🇵🇱 🔨

6. CARLES PUIGDEMONT   🇪🇸 

7. WILBUR ROSS 🇺🇸 🥊

Ross sarà il prossimo segretario al commercio della presidenza Trump. Dalla sua nomina Wilbur non ha ricevuto molte attenzioni dalla stampa, perciò interviene Fresko* e punta i riflettori su questa mina vagante del trumpismo.

Innanzitutto vi rassicuro, Ross adesso costituisce un problema enorme per la Cina e solo potenzialmente potrebbe diventarlo per l’Europa. Il futuro segretario al commercio proviene dal mondo industriale dell’acciaio. E l’acciaio è una questione che pone in concorrenza il mondo contro la Cina.

Eppure Ross si è schierato a favore dei trattati bilaterali, piuttosto sono i trattati tra vaste aree geografiche che osteggia. Ciò probabilmente pone la parola fine sul TTIP, il trattato transatlantico per i commerci e gli investimenti, tra USA e UE. Ciò indebolirà l’Europa, anche in vista delle negoziazioni per la Brexit. Perché tra l’altro Ross è prima di tutto interessato a un accordo di libero scambio con un Regno Unito post-Brexit (che si vocifera Trump abbia già pronto) il quale sarebbe una spinta in più per i sostenitori dell’hard-Brexit.

President-Elect Trump Holds Meetings At Trump Tower In New York

Wilbur Ross ha anche un approccio mercantilista al commercio, del quale potrebbe beneficiare solo parte d’Europa. Il Wall Street Journal dice: “Lui crede in maniera semplicistica che una buona politica commerciale produca un surplus commerciale nazionale, mentre cattivi accordi e politiche sbagliate producano deficit commerciale”. Dimenticando però che non tutti i paesi del mondo, vedi l’Italia, hanno la possibilità di ottenere un surplus commerciale.